IMG_7549

Per due giorni, sabato 4 e domenica 5 giugno, in concomitanza con le iniziative previste dal Piano di Valorizzazione del MiBACT che prevede il sabato l’apertura straordinaria dei musei fino alle ore 22,30 e l’ingresso gratuito la prima domenica del mese, il Parco Archeologico di Paestum ha ospitato l’evento di ricostruzione e rievocazione storica I Giorni Romani di Paestum.

Entrando nel Parco Archeologico, siamo stati catapultati nella quotidianità dell’antica città romana. Infatti, nell’intera area “romana” del sito archeologico, dall’Anfiteatro al Tempio della Pace, dal Foro alle botteghe artigiane abbiamo incontrato matrone, senatori, patrizi, plebei, commercianti indaffarati, prestanti gladiatori.

Nell’area delle botteghe abbiamo scoperto la tavola dei romani e gustato le antiche ricette ricostruite dall’archeo-cuoca Cristina Conte, specializzata in pietanze antiche: il libum di Catone, ossia una focaccia che veniva offerta agli dei specialmente per gli anniversari, la torta cartaginese preparata con formaggio fresco e miele, un pezzetto di pane con sopra il garum ossia una salsa liquida di interiora di pesce e pesce salato che gli antichi Romani aggiungevano come condimento per insaporire molti piatti, accompagnati da un bicchierino di mulsum, una bevanda di vino e miele offerta all’inizio del pranzo romano in concomitanza con la “gustatio”, ovvero il nostro antipasto.

Lungo il percorso abbiamo incontrato numerosi personaggi storici, disponibili a fornire informazioni storiche e tecniche sia in italiano che in inglese.

E ancora, è stato interessante scoprire le essenze, gli oli profumati e le polveri che utilizzavano le ricche matrone per truccarsi; i telai ricostruiti e perfettamente funzionanti presso la bottega del tessitore; il discorso elettorale di Quinto Arrio Serio; il suggestivo spettacolo dei combattimenti di gladiatori, durante il quale il pubblico presente era incitato ad esternare la propria preferenza circa il vincitore, proprio come accadeva nella realtà. E infine, il coinvolgimento del pubblico sulla decisione da prendere sulla sorte del gladiatore sconfitto.

L’interessante iniziativa, ideata e promossa dall’Associazione Culturale SPQR di Roma, insieme a Mos Maiorum, Romanitas e Cvltvs Deorvm, ha richiamato un gran numero di visitatori.

IMG_7379

IMG_7315

IMG_7320

IMG_7383

IMG_7395

IMG_7403

 

IMG_7406

IMG_7415

IMG_7425

IMG_7441

IMG_7454